Nichi Vendola, l’uomo, il poeta e il politico

Quando sento parlare Nichi Vendola in televisione, spesso mentre sto preparando la cena, e quindi quando sono di  spalle al televisore, smetto di fare qualsiasi cosa perchè sento la necessità di fermarmi, di sedermi al tavolo e di stare ad ascoltarlo. Tutte le volte mi dico: ‘Ma perchè quando parla Vendola sento anche l’uomo e non solo il politico?’  Perchè le due essenze convivono perfettamente in lui. Non a caso Nichi Vendola è anche poeta. Forse è per questo che le sue parole dette in pubblico mi hanno sempre trasferito ‘qualcosa di familiare’ e di profondamente umano. Frasi come:  ‘La vita del mio nemico è sacra’, oppure: ‘Siamo belli perché siamo pieni di difetti, non perché siamo onnipotenti, ma perché siamo fragili, perché ci tremano le gambe, perché siamo goffi, perché abbiamo paura, perché abbiamo bisogno d’amore, per questo siamo belli.’ 
L’ultima frase che gli ho sentito dire qualche giorno fa è stata questa: ‘C’è un’Italia migliore’.  

Luigia Sorrentino

Nichi Vendola ‘Ultimo mare’ Manni Editore (euro 14,00)

“Le due tensioni che danno senso e sostanza alla poesia di Vendola sono una razionale, con la consapevolezza dello scacco esistenziale; l’altra morale, dominante, tirata in gioco la storia a coprire una tradizione antica di ‘assenza’. Queste due tensioni trovano il loro punto di incontro nella ‘debolezza’. Cioè l’opposto di quella su cui si impernia tutta la Storia, da sempre e in specie nell’ultimo secolo: “forza”, con le sue varianti, potenza potere prevaricazione. Su una parola il passaggio dall’esistenziale al politico è agevole. Perciò vien naturale leggere queste come poesie ‘civili’, secondo una vecchia formula, poesia radicata nella storia cioè.”
(dalla postfazione di Folco Portinari) 

 

 “In primo luogo la luce.
Poi le parole. Affiorano da una terra originaria, petrosa eppure limpida e sapiente, eroica oltre che capace di consolare. E a questa si lega l’impegno civile, la lotta, ardimentosa e giusta, anche a costo del sangue, che pur finalizzata al bene comune, collettivo, non dimentica il singolo, la sua unicità. Anzi, lo fa risorgere. Come a segnalare l’impossibilità di immaginare masse felici senza partire da singoli felici.”
(dalla presentazione di Sergio Rubini)

Il volume raccoglie le precedenti sillogi di poesie di Nichi Vendola, da Prima della battaglia (1983) a La debolezza (1997) che aveva un’ambizione ideologica inesausta, nel suo srotolare piccoli codici (quasi degli ideogrammi) di libertà, fino a Lamento in morte di Carlo Giuliani, scritto di getto dopo i fatti di Genova del luglio 2001, nato anche come bisogno di contaminazione tra ballata popolare e asprezza e oscurità dell’agire poetico. Un quarto di secolo a cercare e sillabare orizzonti di senso, a intrecciare ghirlande di dolore, a spiare la meccanica delle onde le quali, nell’ Alta marea della sezione iniziale del libro, tornano a pulire la sabbia dei residui di sillabe e delle scorie di cinismo rimasti sulla battigia: così Vendola vede e spera: il rumore globale non cancellerà mai le voci ed i silenzi.
(Prima edizione 2003)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

  1. Pingback: Il candidato giusto, nello schieramento sbagliato « Simone Tulumello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *