Vivian Lamarque, Premio Internazionale Cetonaverde Poesia

Vivian Lamarque / Credits ph. Dino Ignani

Vivian Lamarque, con “Madre d’inverno” (Mondadori, Milano 2016), vince Il Premio Internazionale della VII edizione del Premio Cetonaverde Poesia, uno tra i massimi appuntamenti della cultura in Italia, che si celebrerà a Cetona venerdì 13 e sabato 14 luglio.

Il Premio ha le sue radici nella volontà filantropica della fondatrice Mariella Cerutti Marocco e di suo marito Antonio Maria Marocco per dare ai giovani poeti spazio e notorietà nell’espressione artistica. L’iniziativa è sostenuta dalla “Fondazione Antonio Maria e Mariella Marocco per la tutela del libro manoscritto e stampato” nata a Torino nel 1998. All’organizzazione del Premio, sponsorizzato dal Gruppo Atlantia, aderiscono personalità del mondo della cultura, dell’economia e del giornalismo.

Il Premio Cetonaverde Poesia, del quale è presidente d’onore Guido Ceronetti, si articola in due sezioni: il Premio Internazionale e il Premio Poesia Giovani. Continua a leggere

Angèle Paoli, “Artemisia allo specchio”

Angèle Paoli

Nell’ambito delle iniziative di “Residenze estive”  Angèle Paoli poeta e scrittrice, presenta a Trieste il 29 giugno 2018, ARTEMISIA ALLO SPECCHIO Storie della mie vite , il suo ultimo romanzo pubblicato in Italia  a settembre  scorso (Edizioni Vita Activa). La presentazione si terrà al Giardino Tergesteo di  Trieste (Pzza della Borsa, 14), alle 19.

Dialogheranno con l’autrice, Sergia Adamo (Univ. Trieste), Patrizia Saina (editor), Anna Tauzzi (traduttrice). Continua a leggere

I finalisti del premio Letterario Camaiore – Francesco Belluomini

La Giuria Tecnica del XXX Premio Letterario Camaiore – Francesco Belluomini, presieduta dal Rosanna Lupi, è formata da Corrado Calabrò, Emilio Coco, Vincenzo Guarracino, Paola Lucarini, Renato Minore e Mario Santagostini, dopo attenta e approfondita valutazione dei volumi facenti parte della prima rosa di selezione dei candidati al premio 2018, ha determinato, in riunione congiunta, svoltasi in data odierna, alle ore 11.30, presso l’Hotel Bixio di Lido di Camaiore, i cinque finalisti, il Camaiore Proposta Opera Prima e il Premio Internazionale. La serata finale si svolgerà il prossimo 15 settembre all’UNA Hotel di Lido di Camaiore.

Il presidente nel contempo ha confermato le sue decisioni in merito ai conferimenti del Premio Speciale e delle Menzioni Speciali, attribuite agli autori di opere di particolare interesse storico, contemporaneo e di valore poetico internazionale

“Aver intitolato il premio alla memoria di Francesco Belluomini è un tributo che abbiamo voluto fortemente, sia per la donazione che ha fatto a tutti noi di questo patrimonio, sia per la rilevanza che l’attività letteraria di Belluomini assume nel panorama culturale camaiorese. Ho chiesto al Consigliere Andrea Boccardo di affiancare, con una delega speciale, la presidente Lupi così da far sentire ancora di più il sostegno dell’Amministrazione Comunale a tutta l’organizzazione del Premio”, le parole del Sindaco Del Dotto

“È stato un anno difficile e intenso: mi piace pensare che Francesco sia riuscito in qualche modo a rendere solidali le idee della Giuria Tecnica che ha infatti trovato l’unanimità. Il trentennale, inoltre, ha coinciso con l’uscita del libro postumo di Francesco ,“Ultima Vela” edito da Samuele Editore, che è in sostanza il suo testamento artistico. Il prossimo 15 settembre, in occasione della serata finale, dedicheremo un pomeriggio di studi alla sua opera e alla sua vita”, il commento della presidente Rosanna Lupi. Continua a leggere

A LETTERATURA la poesia di Hikmet e Sarajlic

Nâzım Hikmet

 

Villa Pignatelli eletta Casa della Poesia per il Napoli Teatro Festival Eventi a Napoli, chiude la rassegna di LETTERATURE curata da Silvio Perrella, stasera, sabato 23 giugno 2018. L’appuntamento è alle 19.00.

Massimiliano Gallo legge il poeta bosniaco Izet Sarajlic e il turco Nazim Hikmet, accompagnato dalle musiche di Lautari din Rosiori.

Alla vita

La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
come fa lo scoiattolo, ad esempio,
senza aspettarti nulla
dal di fuori o nell’al di là.
Non avrai altro da fare che vivere.
La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
ma sul serio a tal punto
che messo contro un muro, ad esempio, le mani legate,
o dentro un laboratorio
col camice bianco e grandi occhiali,
tu muoia affinché vivano gli uomini
gli uomini di cui non conoscerai la faccia,
e morrai sapendo
che nulla è più bello, più vero della vita.
Prendila sul serio
ma sul serio a tal punto
che a settant’anni, ad esempio, pianterai degli ulivi
non perché restino ai tuoi figli
ma perché non crederai alla morte
pur temendola,
e la vita peserà di più sulla bilancia.

Traduzione di Joyce Salvadori Lussu

Continua a leggere