Appello a Monti per la Bacchelli al poeta Pierluigi Cappello

Poesia e Impegno civile
ditelo con noi…

La buona notizia di oggi, 12 gennaio 2012.

E’ stata presentata alla Camera da parte dei deputati friulani Carlo Monai (Idv), Isidoro Gottardo (Pdl), Angelo Compagnon (Udc), Alessandro Maran e Ivano Strizzolo (Pd) un’interrogazione al premier Monti per sollecitare la concessione dell’assegno vitalizio previsto dalla legge “Bacchelli” in favore del poeta Pierluigi Cappello.“Per Cappello – spiega il primo firmatario Carlo Monai – poeta oltre che deputato – si è creata una catena di solidarietà e di apprezzamento per le sue opere tra diverse istituzioni locali e non solo: in primis la Regione, l’Università di Siena, Firenze, Udine, Roma Tre e l’Accademia della Crusca, oltre a migliaia di privati cittadini e intellettuali.

Confidiamo che il Governo intervenga celermente, in accoglimento dell’appello bipartisan che abbiamo raccolto, alla concessione del sussidio a una delle voci liriche viventi più alte – conclude – che danno prestigio al Friuli Venezia Giulia”. (Fonte Ansa).

Anche Poesia, di Luigia Sorrentino, continua a sostenere e ad aderire all’appello per il riconoscimento della Legge Bacchelli al poeta Pierluigi Cappello.

Una rosa

Che cos’è quella rosa sul tavolo
ferma nella sua freschezza come un lago alpino
alta nel suo silenzio più del fragore
dei quotidiani affastellati lì accanto
più del disordine dei notiziari,
la concitazione delle chiavi di casa.
Che cos’è questa parola verdeggiante d’amore
se non il suolo dove lasciarsi cadere
la penombra di un bosco da attraversare
e la mano che si apre e prende la mia
e mi conduce a me.

di Pierluigi Cappello da: Mandate a dire all’imperatore (Crocetti, 2010)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti (4)

  1. l’ho sentito leggere. l’ho sentito parlare. ho percepito la consistenza solida di un’umanità leggera eppure aggrappata alla vita, strenuamente. non sapevo di tutto questo. spero sinceramente che qualcosa si muova.

  2. un parlamento che salva uno squallido cosentino, uno stato che temporeggia su una decisione a favore di un grande Poeta…. che vergogna…..giovanni nacca

  3. Gentile Giovanni Nacca,
    Il vitalizio viene assegnato dal consiglio dei ministri, come saprà, e abbiamo ragione di sperare che presto verrà riconosciuto anche a Pieluigi Cappello.
    Certo, in Italia ci sono anche altri che ne usufruiscono: mi viene in mente adesso la poetessa Anna Cascella Luciani. Ho scritto rilanciato il 20 dicembre la richiesta inoltrata dal poeta Gian Mario Villalta dando risalto a questa notizia, affinchè il maggior numero possibile di lettere di supporto arrivino al Presidente del Consiglio della regione Friuli Venezia Giulia Maurizio Franz (indirizzo e-mail: presidente.consiglio@regione.fvg.it).Io stessa ho scritto al presidente del consiglio, piò farlo anche lei. Sono certa che se lo faranno anche altri il vitalizio potrà presto essere assegnato a Cappello.
    Qui sotto potrà leggere l’appello pubblicato in prima battuta da Villalta su IL GAZZETTINO.IT

    Domenica 18 Dicembre 2011

    “Fino ad oggi ha sempre rifiutato di chiedere qualcosa oltre il dovuto, con quell’orgoglio tutto friulano che vuole si faccia da soli. E da solo, di bessol, Pierluigi Cappello fin che ha potuto ha fatto molto.
    Non solo è riuscito a vivere con poco, ma è diventato anche uno dei più importanti poeti italiani, ha dato lustro al friulano nella sua poesia e in numerosi interventi pubblici, ha animato iniziative culturali decisive per fare sì che oggi il Friuli Venezia Giulia sia una realtà vivace e tra le più seguite sul piano della letteratura nazionale. Adesso quel poco che gli è bastato finora non basta più, per condizioni di salute peggiorate, che non è qui il caso di illustrare, ma che lo rendono bisognoso di migliori condizioni abitative e di una maggiore assistenza. Adesso quel poco che gli è stato dato senza chiedere non è sufficiente a garantirgli il minimo della sussistenza, tenuto conto delle cure di cui necessita. Allora l’iniziativa portata nei giorni scorsi all’ordine del giorno del Consiglio regionale, con la richiesta alla giunta Tondo di chiedere per il suo caso l’applicazione della Legge Bachelli, ha bisogno di incontrare tutto il nostro appoggio.

    Plaudiamo all’iniziativa della Regione Friuli Venezia Giulia, e facciamo in modo che i rappresentanti della cultura friulana e nazionale, le istituzioni e le associazioni culturali si mobilitino in favore di una risposta la più rapida possibile. Scriviamoci, telefoniamoci, per sottoscrivere un documento che dimostri (oltre le condizioni di salute e di reddito) quanto è importante per tutti noi ciò che Pierluigi Cappello rappresenta per la cultura. Chiediamo, con il nostro sostegno, che Pierluigi Cappello possa continuare a lavorare, e facciamo sì che questo sostegno sia espresso al più presto mediante gli organi di stampa e in tutte le forme ufficiali, compreso un documento che ci vede uniti per questo scopo: cerchiamo da oggi di individuare un capofila (potrebbe essere la Regione stessa) che raccolga tutte le voci unite per questo impegno.

    Il Direttore di pordenonelegge.it Gian Mario Villalta, poeta e scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *