Il Dalai Lama a Mirandola per le vittime del terremoto

Il Dalai Lama, prima del suo viaggio ufficiale in Basilicata e Milano, si recherà il 24 giugno 2012 in Mirandola,in Emilia Romagna per offrire una preghiera speciale a tutte le vittime del terremoto che ha colpito la regione, per i loro familiari e per tutti i senzatetto.

Mirandola è uno dei comuni dell’epicentro tra i maggiormente danneggiati dal sisma che ha colpito l’Emilia Romagna. La potenza di questo terremoto ha ucciso circa 17 persone, ferito circa 200 e circa 14.000 sono oggi senza tetto.

Quando la prima scossa di terremoto ha colpito l’Emilia Romagna il 20 maggio, Sua Santità il Dalai Lama ha subito scritto al primo ministro italiano Mario Monti per esprimere la tutta sua tristezza per la perdita di vite umane e per i danni subiti, nonchè per le migliaia di persone colpite. SuIl Dalai Lama ha donato 50 mila dollari alla Croce Rossa Italiana della regione Emilia Romagna per le operazioni di soccorso in Emilia Romagna.

Il Dalai Lama sosterà per poche ore in Emilia Romagna, in rotta verso Matera, Basilicata, Italia meridionale, dove visiterà la Città della Pace per i Bambini fondata dal Premio Nobel per la Pace Betty Williams che e si trova nei centri di Scanzano Jonico e Sant’Arcangelo. Il Dalai Lama sarà presente alla conferenza stampa che si terrà a Matera il 24 giugno, alle 03:00, a Palazzo Viceconte.

Il Dalai Lama si recherà in visita nella regione Basilicata e Milano dal 24 al 28 giugno 2012.

Per accrediti stampa si prega di contattare Ufficio Stampa Comune di Mirandola


Per informazione contattare : Dott.Tenzin Thupten : 3287438279
Tseten Samdup Choekyapa
Office of the representative of H.H Dalai Lama
Place de la navigation 10 1201 Geneve, Svizzera.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

  1. Grande Dalai Lama,
    perchè non si occupa anche della fusione fredda, energia dall’acqua sarebbe la salvezza del pianeta.Forse per il vero bene del pianeta è meglio vivere di spiritualità, ma l’energia libera per tutti toglie tanti problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *