Napoli come New York, nasce una nuova factory artistica

Una factory artistica in pieno stile newyorkese. Nasce a Napoli Voyage pittoresque factory, un laboratorio creativo con galleria espositiva, biblioteca e luoghi per incontri. Una struttura enorme che con i suoi 750 metri quadrati su più livelli avrebbe fatto invidia anche a Andy Warhol dei tempi d’oro.

L’atelier, come ne spuntavano a ogni angolo di strada nella New York anni Sessanta, si trova al corso Vittorio Emanuele 682 e si inaugura oggi, 10 novembre 2012 alle 18:00. Ampie le vetrine sul fronte strada che cambiano allestimento in base alle esigenze e all’interno spazi dal sapore un po’ retro, ma pieni di strumentazioni moderne per le produzioni artistiche e non solo.

Nel nuovo spazio espositivo a ingresso libero, ristrutturato da Diego Lama, saranno organizzate mostre di giovani artisti, c’è un salotto-biblioteca con oltre 500 libri e un laboratorio tipografico per stampe professionali, pensato soprattutto per lavori di arredamento e artistici. A breve partiranno anche i corsi d’arte per adulti e ragazzi, gli incontri culturali, le presentazioni di libri, le proiezioni e gli aperitivi rigorosamente ‘nel segno dell’arte’.

“Non e’ un semplice atelier, ma un nuovo modo di concepire l’arte – dice l’ideatore della factory, Gennaro Regina – E’ un laboratorio, un progetto culturale e sono convinto che l’unico modo per cambiare la città è fare cultura”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti (3)

  1. Grande Regina (e i suoi collaboratori) .
    Sono convinto che il tempo gli darà ragione “sfornando” nuovi ottimi artisti.
    La strada è quella giusta, e penso che molti la prenderanno, soprattutto a Napoli che c ‘è ottima gente, capace di fare arte.

  2. Un luogo d’arte che deve inorgoglire Napoli tutta, non solo gli appassionati di cultura. Mancava a Napoli un luogo-laboratorio in cui parlare d’arte, farla ed esporla. Esporre i giovani artisti può rappresentare una vetrina per mostrare in diretta l’evoluzione dell’arte e la crescita degli artisti-maestri di domani.
    Ottima iniziativa, in una città abbastanza povera di occasioni concrete che stimolino i giovani. Certo, occorrerà valutare il costo per usufruire di tale struttura…

  3. Napoli considerata fino al’ottocento la Perla dell’Europa o la piccola Parigi! Non a caso l’unica città in cui attecchirono le idee di libertà della Rivoluzione francese da cui naque la Rivoluzione Partonopea!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *