Napolitano chiede una “rapida definizione” per la Bacchelli al poeta Pierluigi Cappello

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha rappresentato alla presidenza del Consiglio dei ministri l’esigenza di una rapida definizione della procedura relativa alla concessione di un vitalizio al poeta friulano Pierluigi Cappello. Lo fa sapere il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Maurizio Franz, nel giorno in cui Napolitano ha conferito al poeta il premio ”Vittorio De Sica”.

La cosiddetta legge Bacchelli ha istituito un Fondo a favore di cittadini illustri che versino in stato di particolare necessità, che possono così usufruire di contributi utili al loro sostentamento. La norma prevede che, con proprio decreto e su conforme deliberazione del Consiglio dei ministri, il Capo del Governo, previa comunicazione al Parlamento, assegni tale sostegno straordinario.

La fase istruttoria, spiega Franz, ”si era conclusa con un parere favorevole alla concessione dei benefici di legge. Pertanto due settimane fa ho deciso di scrivere personalmente al Capo dello Stato affinche’, con un suo autorevole intervento, consentisse una pronta conclusione dell’iter.

Proprio ieri – continua Franz – dal Quirinale è giunto il positivo riscontro da parte del consigliere del presidente della Repubblica, Pasquale Cascella, che mi ha aggiornato di come Napolitano abbia sollecitato personalmente la presidenza del Consiglio dei ministri per una accelerazione della procedura, soprattutto in ragione delle precarie condizioni di salute di Pierluigi Cappello”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *