Toni Servillo legge “Il Gattopardo”

Letture ad alta voce

Il Gattopardo, di Giuseppe Tomasi di Lampedusa interpretato daToni Servillo (Emons-Feltrinelli, 2012)
— 
Siamo in Sicilia, all’epoca del tramonto borbonico. È di scena una famiglia della più alta aristocrazia isolana, colta nel momento rivelatore del trapasso del regime, mentre già incalzano i tempi nuovi. Il romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa è incentrato quasi interamente su un solo personaggio, il principe Fabrizio Salina. Il Gattopardo, pubblicato dopo la morte dell’autore, nel 1958, a cui Lampedusa lavorò dalla fine del 1954 e il 1957 fu presentato agli editori Arnoldo Mondadori Editore e Einaudi, (il testo fu letto da Elio Vittorini), che ne rifiutarono la pubblicazione. Dopo la morte di Lampedusa Feltrinelli che aveva ricevuto il manoscritto da Elena Croce, lo pubblicò con la prefazione di Giorgio Bassani.
Nel 1959 il romanzo vinse il Premio Strega divenendo il primo best-seller italiano con oltre 100 mila copie vendute. Un libro da leggere e da ‘ascoltare’, perché offre un’immagine inedita della Sicilia di quegli anni, animata da uno spirito modernissimo, ampiamente consapevole della problematica storica, politica e letteraria contemporanea. Tradotto in tutte le lingue, è ormai un classico della nostra letteratura: nel 1963 fu ridotto nel film omonimo da Luchino Visconti, interpretato da Burt Lancaster, Claudia Cardinali e Alain Delon.

ASCOLTA QUI UN BRANO DELL’AUDIO-LIBRO

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

  1. Gran romanzo che credo si possa riassumere nella sua frase più celebre, “zio, occorre cambiare le cose affinché nulla cambi”.
    Che poi molto mi ricorda tangentopoli e oggi… a volte temo che Machiavelli non si sbagliasse con la sua circolarità…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *