Adriatic Way 2013

Appuntamento

Sabato 29 giugno sarà la bellissima San Ginesio ad ospitare il primo grande evento Scrigni d’arancio di ADRIATIC WAY®, il Festival delle Marche che si svolge dal 29 giugno al 27 agosto 2013.  Una manifestazione nata e organizzata in collaborazione con Gusta l’Arancione, che proprio in quei giorni, nelle piazze insignite della Bandiera Arancione, proporrà percorsi enogastronomici di qualità.

L’appuntamento, per tutti, è alle 19:00 all’Auditorium Sant’Agostino, dove si terrà un incontro con la pittrice Carla Mattii (che per l’occasione allestirà l’ambiente con alcune sue opere) col poeta Guido Oldani (nella foto di Dino Ignani) e con il famoso giornalista e gastronomo Beppe Bigazzi.

Un percorso, quindi, che dall’enogastronomia ci porterà nell’arte e nella cultura del nostro territorio, e che proseguirà in piazza con un delizioso aperitivo a base di prodotti regionali: Marmellata di Mela dei Sibillini, Caciotta di Urbino e Sapa, e i vini della Cantina Terre di San Ginesio.

Alle 20.30, poi, l’evento forse più atteso, con la ricchissima cena, al chiostro di Sant’Agostino, preparata per l’occasione dal grande chef Moreno Cedroni. Un menù davvero da non perdere, che recupera i prodotti della tradizione (la Sapa in questo caso specifico), per creare ricette inedite, presentate in anteprima nel corso della serata:  Il Baccalà’ che Salo Io, Pomodoro, Cipollotto e Orzo Croccante, Polpo, Salsa Verde, Zucchine e Gelatine di Pane di Chiaserna, Lasagnetta di mare in bianco, Salsa al Prezzemolo, Millefoglie di Coda di Rospo, Paté di Oliva Tenera Ascolana, Vinaigrette alla Sapa, Zuppa Inglese con sentore di Anice Varnelli.

Un evento importante, quindi, anche e soprattutto per far tornare viva l’attenzione sui prodotti della cultura gastronomica della Regione Marche. In questo senso, l’intervento della nutrizionista Cristiana Aperio, che proporrà una rilettura in chiave scientifica del menù e dei piatti presentati.

Durante la cena, per poi proseguire nella piazza, la musica sarà la vera protagonista con il concerto-spettacolo “Il Sol ci ha dato alla testa”, ideato, scritto ed eseguito dalla Rimbamband (Raffaello Tullo, Renato Ciardo, Nicolò Pantaleo, Vittorio Bruno, Francesco Pagliarulo), la straordinaria formazione teatrale e musicale pugliese che continua a riscuotere successi e «sold out» nei teatri di tutta Italia.

Eventi di gusto quelli proposti nel Festival, da San Ginesio a San Benedetto del Tronto, da Ascoli Piceno a Sirolo, da Senigallia a Pesaro: tanti incontri con il gusto dell’enogastronomia, della cultura e dell’arte per scoprire tradizione e innovazione delle Marche.


Moreno Cedroni è lo chef a 2 stelle Michelin che ha portato uno spirito avanguardista nella cucina italiana. Nato ad Ancona nel 1964, aprì appena ventenne il ristorante La Madonnina del Pescatore a Senigallia (nominato dal Wall Street Journal tra i primi dieci ristoranti europei di pesce del 2011, e decorato dalla Guida Espresso 2011 del punteggio di 18/20). Da allora, ha scritto vari libri tra cui Sushi & Sushi, nel quale presenta il concetto di sushi, ovvero un modo innovativo di reinterpretare il pesce crudo, che partì come imitazione dell’idea tradizionale del sushi giapponese per diventare, più tardi, un vero e proprio studio indipendente. Il regno del suo sushi diverrà nel 2000 il Clandestino Sushi Bar, proprio nel cuore del paesaggio più spettacolare della costa dell’Adriatico, Portonovo. Nel 2003 ha cominciato a produrre nel suo laboratorio Officina le rinomate conserve gourmet e nello stesso anno ha aperto la prima salumeria di pesce al mondo, Anikò, nella città di Senigallia. Nel 2010 si è unito a Moschino per creare una versione urbana del suo sushi bar, il Clandestino

Guido Oldani ha pubblicato sulle principali riviste letterarie del secondo Novecento ed è autore delle raccolte “Stilnostro”, “Sapone”, “La betoniera”. È stato curatore dell’Annuario di Poesia Crocetti ed è presente in alcune antologie, tra cui “Il pensiero dominante” (Garzanti, 2001), “Tutto l’amore che c’è” (Einaudi, 2003) e “Almanacco dello specchio” (Mondadori 2008). È l’ideatore del realismo terminale e l’inventore della similitudine rovesciata . La sua poetica è diventata uno spettacolo teatrale dal titolo “Millennio III nostra Meraviglia”, scritto e interpretato dall’attore Gilberto Colla. Oldani è direttore artistico del Festival Internazionale “Traghetti di Poesia” e fondatore del “Tribunale della poesia”; collabora con alcuni quotidiani tra cui “L’Avvenire” e “Affari Italiani”. Con Mursia ha inaugurato la Collana Argani, che dirige, pubblicando “Il cielo di lardo” e nel 2010 “Il Realismo Terminale”, traduzione in inglese a cura di Alessandro Carrera dell’università di Houston in Texas. La raccolta di scritti sullo stesso Realismo terminale, dal titolo La Faraona ripiena a cura degli italianisti Elena Salibra e Giuseppe Langella, è del 2013 (Mursia Ed).

Giuseppe Bigazzi detto Beppe è un dirigente d’azienda, giornalista e gastronomo. Si avvicina al mondo del giornalismo e dell’editoria già nel 1961 quando è redattore del mensile “Il Nuovo Osservatore” e nel 1963 è vicepresidente dell’Idoc. In televisione cura dal 1995 al 2000 la rubrica “La borsa della spesa” all’interno del programma “Unomattina” della RAI e dal 2000 fino al 2010 è co‐conduttore de “La Prova del Cuoco” sempre RAI. In seguito, è passato a Sky, canale Alice, dove tuttora è tra i conduttori del programma “Amici miei bischeri”. Dal febbraio 2013 è tornato in RAI a “La Prova del Cuoco”.

Rimbamband è composta da, Raffaello Tullo, Renato Curcio, Francesco Pagliarulo, Vittorio Bruno, Nicolò Pantaleo. Un sassofonista rubato alla banda di Capurso, un contrabbassista stralunato, un pianista virtuoso, un batterista rompiscatole, un capobanda: la Rimbamband.Cinque suonatori sognatori giocano con le canzoni, con le note, i rumori, i suoni, gli strumenti, l’immaginazione, il corpo, le parole e la loro genuina follia. Sul palco rivivono i maestri veri: Buscaglione, Carosone, Gaber, Mozart, Rossini ma anche Jerry Lewis, Charlie Chaplin, Lecoq, in una sorta di cartone animato, immune dai limiti del “possibile


ADRIATIC WAY® 2013 si propone come festival itinerante su tutto il territorio della regione Marche proponendo eventi concepiti e realizzati secondo il format originale sviluppato da Turismo & Territorio Adriatico, con manifestazioni culturali ed eno‐gastronomiche sul territorio per promuovere il turismo nella regione.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *