Premio Prata 2013, la Cultura entra nella Basilica

Premio Prata 2013: La cultura nella Basilica
di Enzo Rega
_
Si è dunque conclusa la VII edizione del Premio Prata che come sempre ha abbracciato diversi campi della cultura. La manifestazione ha avuto luogo la sera di sabato 13 luglio nella suggestiva cornice della arcibasilica di Maria SS. Annunziata. Giovani e preparate guide hanno illustrato ai convenuti – premiati e membri della giuria – l’importanza storica e architettonica del sito:

gradevole e preziosa premessa alla cerimonia della premiazione. Cerimonia gremita di pubblico che, nonostante l’ufficialità, non ha avuto nulla di meramente rituale. Gigi Marzullo, (nella foto) che ha intervistato i premiati, è stato un vero “ostetrico” di parole e pensieri, riuscendo a carpire nei pochi minuti a disposizione anche piccole confessioni agli ospiti, per cui sul palco sono davvero sfilate persone con i loro scorci di vita. La cerimonia non è più tale se vengono fuori le “persone” che ne fanno parte. Molto brave sono state anche Antonietta Gnerre (nella foto), organizzatrice instancabile, e Stefania Marotti (nella foto) de “Il Mattino”. E molto bravi come al solito, Paolo De Vito con il suo spettacolo “Questa vita è la mia vita” che si è mosso tra Don Chisciotte e i temi dell’emigrazione (bella la voce e il modo con il quale ha estratto e ricucito momenti di una messa in scena più ampia) e il cabarettista Eugenio Corsi del Bagaglino. È intervenuta anche la scrittrice Licia Giaquinto, originaria dell’Irpinia, e che alla sua terra torna costantemente nei propri libri pubblicati da Feltrinelli e Adelphi (simpatico il modo con il quale Licia ha sottolineato l’ostinazione di Antonietta Gnerre nel portare a termine progetti ambiziosi come questo Premio).

I riconoscimenti del Premio Prata 2013 sono stati distribuiti in questo modo: Premio Internazionale Cultura e Libertà dei due mondi: Fausto Guilherme Longo, (nella foto)  Senatore; Premio Ambasciatore della Valle del Sabato: Paolino Marotta, Dirigente, Liceo P. Colletta, Avellino; Premio alla Carriera: Carlo Meluccio, Artista irpino; Premio Speciale della Giuria: Arnaldo Colasanti, Critico Letterario, Scrittore, Conduttore di Unomattina Caffè, Rai 1; Premio per il complesso delle opere: Silvia Bre, Poeta, Traduttrice e Narratrice; Premio per la Critica e la Saggistica: Paolo Lagazzi, Saggista e Scrittore; Premio di giornalismo: Luca Rosini, Giornalista inviato di Virus – Rai 2.


Prata/ Libri 2013: Premio Opera di Narrativa: Emilia Bersabea Cirillo, Gli incendi del tempo, Et al. Edizioni; Premio la Poesia in Italia Luigia Sorrentino, Olimpia, Interlinea.

Riconoscimento speciale al giovane Francesco Benedetto Belfiore, per l’opera teatrale “OVERDOSE DA ROSA”- Antologia di Teatro italiano contemporaneo, IBUC.

La giuria ha deciso, inoltre, di conferire una Menzione Speciale al Vescovo di Avellino, Mons. Francesco Marino “Abate dell’Arcibasilica Maria SS. Annunziata”. L’Associazione Premio Prata ringrazia poi il Forum giovanile di Prata P.U. e il Parroco, Padre Tommaso Violante per la collaborazione.

Il Premio è curato e gestito dall’associazione Premio Prata Presidente Antonietta Gnerre (nella foto); Vice Presidente Armando Galdo; Direttore Artistico Alfredo Petrillo; Presidente Onorario Claudio Damiani. La giuria, presieduta da Bruno Galluccio è così composta: Enzo Rega (Vice Presidente), Rino Bianchi (nella foto), Monia Gaita, Paolo Saggese, Domenico Cipriano, Vincenzo D’Alessio,Giuseppe Vetromile, Cosimo Caputo. Giuria Giovani: Gianluigi Marcello Santoro, Antonella Sozio, Antonia Angiuoni.

Arrivederci allora alla prossima edizione. Ormai l’ottava. L'”ottava”, come al Sud si dice per le feste!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *