Opere Inedite, Alberto Pellegatta

 

apellegattaA cura di
Luigia Sorrentino
__

Alberto Pellegatta è nato a Milano nel 1978, ha pubblicato Mattinata larga (LietoColle 2001) e L’ombra della salute (Mondadori 2011). Nel 2005 ha vinto il premio Cetonaverde. Presente nelle antologie I poeti di vent’anni di Mario Santagostini (Stampa, Varese 2000), Nuovissima poesia italiana di Maurizio Cucchi (Mondadori, Milano 2004) e Almanacco dello Specchio (Mondadori, Milano 2008), scrive d’arte (L’artista, il poeta, catalogo Skira, Milano 2010) e collabora come critico con quotidiani e riviste. Dirige la collana «Poesia di ricerca» per Edb Edizioni Milano.

 

DUE POESIE INEDITE
di Alberto Pellegatta

*
Spaesato può diventare
sommergibile. Mentre la città
piatta come un poster
pattina via simmetrica –
con le sue miniature violente.
Disinibita, affila il suo pugnale.
Smonta la tua destinazione.

 

*

Non suona, maltrattato, ma dura.
Le camere rimpiccioliscono
e nei recinti di terra battuta
si sfoga la rabbia dei ragazzi.

Nel giallo disagio dei prati, a scena muta.

Le dita notturne e dispiaciute dell’omicida puntano
sequenze di spettri che volano con i culi aperti
verso un dolcissimo massacro.

La civetta per certi morti è un fiore.

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *