Dino Campana & Luigia Sorrentino

 
 
Luigia Sorrentino legge “Il viaggio e il ritorno“, di Dino Campana.
 

 
 
dinocampanaLa potente figura femminile che incontriamo ne “La Chimera” non è altro che un preludio all’incontro che Dino Campana farà con le bianche prostitute in fila sul lungomare di Genova nel 1912 . “La data è certa” , scrive Sebastiano Vassalli ne “La notte della cometa” (Einaudi, 1984). Sappiamo – aggiunge – da un appunto autografo, che il poeta abitò a Genova per alcuni giorni o, addirittura, alcune settimane, in Vico Vegetti, 27, interno 2. E “l’eterna Chimera” per Campana è l’amore, un’assassina invisibile che gli invade il corpo e il cuore, l’antica amica, è come un sogno uscito dalle ombre della oscura notte, brulicante di stelle.

La Chimera” è la poesia d’apertura di quella serie di componimenti chiamati “Notturni” che appartengono ai Canti Orfici di Dino Campana, “un poeta degno di avere un posto preminente nella nostra tradizione da Petrarca a Ungaretti”. Questa la scritta che apparve in un foglietto pubblicitario allegato dall’editore per la terza edizione dei Canti, nel 1941, pubblicati per la prima volta, nel 1914.

L’incipit: “Non so se tra rocce il tuo pallido/ Viso m’apparve, o sorriso/ Di lontananze ignote/ […]” La “forma pallida”, “evanescente”, l’ancella maestosa, la Madre, che emerge da un lungo silenzio, un sonno di pietra in un panorama scheletrico e di morte.
 
 
Luigia Sorrentino legge “La chimera“, di Dino Campana.


 
 
 

Commenti (2)

  1. Da molto non leggevo Campana, anche perché non mi è di facile lettura; ascoltando La Chimera dalla tua voce, ho riletto la poesia e mi è nato il desiderio di rileggere il poeta… Grazie. Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *