Gandolfo Cascio

Gandolfo Cascio, nella foto di Dino Ignani

Gandolfo Cascio, nella foto di Dino Ignani

Conversazione di due vecchi amici

A: Dove andrà quel biondo ragazzetto?
B: Se ne va di certo al baretto.
A: Forse ha voglia d’un cornetto.
B: A me pare tipo da birretta.
B: Guarda, guarda: arriva l’amichetto.
A: Che bel moretto, che bel riccetto.
B: Me lo porterei volentieri a letto.
… Ma quello scappa in bicicletta.

Gandolfo Cascio insegna Letteratura italiana all’università di Utrecht. Come studioso ha pubblicato la raccolta di saggi Variazioni romane (Volksuniversiteit Amstelland, 2011) e le due monografie Michelangelo in Parnaso (Universiteit Utrecht, 2013) e Un’idea di letteratura nella «Commedia» (Società Editrice Dante Alighieri, 2015); come poeta: Admeto. Poesie dell’amore perfetto (Mobydick, 2005) e la plaquette Ik benin / Il ragazzo bello (Serena Libri, 2009 e 2010). Lavora al suo nuovo libro di liriche che s’intitola Giovenzio.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *