Adriana Gloria Marigo

Amor Coeli

Sovrastati dal suono della luce
non ci trattengono basse correnti
dove motteggia sempre vero

il tonfo della specie

bassura transitiva di minimo
non accettabile all’inquieto
malleolo di danza.

Il dono del fuoco

Per il dono del fuoco
ogni movenza non fu più
l’appena prima:

un’intuizione informe
antecedente la storia
non idiomatica ancora

sottrasse la notte al terrore
per il nero, per il giro celeste
lo spartito delle stelle

la gravità delle sfere
dell’altro ardente allo zenit
quando sulla terra

si stende fresca l’ombra
o lunga nella stagione
incline a smorirsi

rivelò l’infero celato
la complicanza della colpa
il fregio quando la grazia tocca.

*

Se si oscura la storia

Se si oscura la storia
poco resta all’àncora
della memoria: il simulacro
dell’opera, il rauco sussulto
di un’ora insolita
scostamenti peregrini

spersa l’origine della parola.

*

Facile sarebbe accoglierci
entro l’elegia della neve

ma dalle onde abrase
da venti intemerati

cade il suono, cade l’ora
assedia dominanza di futuro
destina all’agone la stretta
pupilla in svettanza di luce nera.

Adriana Gloria Marigo vive tra Padova e Luino. Dopo gli studi universitari in pedagogia a indirizzo filosofico, ha insegnato nella scuola primaria. Attualmente cura la presentazione di libri, collabora a riviste culturali con interventi critici secondo una visione letterario-psicoanalitica. Recentemente ha curato con il filologo Geo Vasile l’edizione italiana di Elegie del poeta romeno Valeriu Andreanu. È curatrice della collana di poesia di Caosfera Edizioni di Vicenza. Ha pubblicato le sillogi Un biancore lontano – LietoColle, 2009 e L’essenziale curvatura del cielo – La Vita Felice, 2012, Impermanenza, plaquette per le edizioni Pulcino Elefante, 2015.

Condividi
  • 155
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *