AL VIA A TRIESTE E DUINO LA FESTA DELLA LETTERATURA E DELLA POESIA

Duino – Trieste, 11-24 marzo 2018

Tutto pronto per l’ appuntamento primaverile dedicato alla poesia internazionale, al teatro e alla letteratura, che come ogni anno abbraccerà anche il 21 marzo, Giornata Mondiale della Poesia.

Tra il Castello di Duino, fonte d’ispirazione e dimora di Rainer Maria Rilke e i caffè letterari, i teatri e i musei di Trieste dall’11 al 24 marzo si svolgerà la Festa della Letteratura e della Poesia, quattordici giornate di iniziative per esplorare le culture del nostro pianeta attraverso le voci di tanti giovani autori provenienti da tutto il mondo.

ISABEL RUSSINOVA

Tra gli ospiti di quest’anno Isabel Russinova (attrice e autrice), Luigia Sorrentino (giornalista Rai e poetessa), Renzo Crivelli (autore, critico letterario e docente, uno dei massimi esperti di Joyce), Marko Sosic (autore e drammaturgo), Guido Chiarotti (fisico, docente e autore), Claudio Grisancich (autore e critico letterario), Giuseppe Manfridi (drammaturgo e attore).

Primavera: Duino con il suo splendido castello a picco sul mare, e Trieste, città di Umberto Saba, Italo Svevo e James Joyce, ospiteranno nuovamente la Festa della Letteratura e della Poesia, che da anni in questi luoghi ha trovato casa.
L’edizione 2018 sarà molto ricca, con quattordici giorni di incontri letterari, spettacoli teatrali e musicali, workshop, mostre e flash mob poetici dislocati nei diversi luoghi cittadini in cui si fa cultura: dai caffè letterari ai musei, fino al Castello di Duino, celebrato da Rilke nelle sue “Elegie Duinesi”.

LUIGIA SORRENTINO PH. OMRI LIOR

La manifestazione in calendario dall’11 al 24 marzo, passando per il 21, Festa Mondiale della Poesia, ruoterà intorno al tema “Casa/Home”. Su questo tema – la casa, intesa come luogo fisico o metaforico da cui si parte e a cui si ritorna, il proprio paese, la “patria”, ma anche un rifugio dell’anima, insieme di memorie, consuetudini, affetti – si sono cimentati un migliaio di giovani poeti provenienti da 57 diversi Paesi che quest’anno hanno partecipato al XIV Concorso Internazionale di Poesia e Teatro Castello di Duino, considerato già nel 2009 dalla Commissione Nazionale UNESCO che lo ha da sempre patrocinato la più importante competizione letteraria internazionale riservata ai giovani.

L’ormai storico Concorso è l’unico al mondo a valutare tutti i testi in lingua originale, con una giuria internazionale che conosce lingue e culture dei Paesi da cui provengono i giovani autori così che nessuna lingua e nessun paese risultano infine penalizzati. Ne è prova la lista dei premiati e dei segnalati che contiene nomi di giovani poeti da Nigeria, Sud Africa, Messico, Croazia, Ucraina, Italia, Ungheria, Francia, Spagna, Germania, Grecia… solo per citare alcuni paesi, il che dà anche un’immagine della poesia contemporanea mondiale. Significativi i premi assegnati alla sezione teatrale per pièces-testimonianza molto toccanti e la grande partecipazione egualmente internazionale dei progetti scuola, a dimostrazione dell’importanza assegnata alla poesia e della funzione straordinaria di promozione e di scambio assolta dal Concorso Internazionale di Poesia e Teatro Castello di Duino.

La premiazione delle varie sezioni sarà il momento culminante attorno al quale si snoderanno i tanti eventi letterari: con la collaborazione straordinaria delle strutture alberghiere di Trieste e provincia che “adottano” i poeti partecipanti, alta sarà la presenza di giovani autori (amici, famiglie) che leggeranno i loro versi e parteciperanno alla “Festa”. Fra i molti eventi in calendario: l’inaugurazione di una mostra fotografica dedicata al tema “Casa” commentata con i versi degli autori, Letture da un premio Nobel (quest’anno “La Grazia sospesa delle umane solitudini in Kazuo Ishiguro”), un omaggio musicale a Rainer Maria Rilke, che “abitò” con la sua poesia il Castello di Duino e un appuntamento dedicato alla sua “poesia dello spaesamento”. La poesia sarà protagonista nelle piazze e per le strade, con l’UNESCO Flash Mob del 21 marzo, un reading di Luigia Sorrentino e molte altre iniziative. Ampio spazio sarà dedicato al linguaggio teatrale, sia con la rappresentazione delle pièces vincitrici, sia con una serie di “interviste sul teatro”, la prima delle quali sarà dedicata a Renzo Stefano Crivelli, scrittore di teatro e fra i maggiori studiosi di James Joyce. Fra gli invitati Guido Chiarotti, Giuseppe Manfridi, Marko Sosic, Claudio Grisancich e Isabel Russinova, della quale, in coerenza con il tema “Casa /Home” si proietterà il docufilm “Il popolo di Re Heruka”, dedicato alla storia del popolo rom. Anche il workshop annuale di traduzione e comparazione linguistica “s-Tradurre” si svolgerà su “Poetica della Casa: fra traduzione e comparazione linguistica”. La manifestazione sconfinerà in Slovenia, con un appuntamento a Capodistria dedicato alle letterature di frontiera e agli esodi. Il calendario lascerà anche spazio per la conoscenza della città e del suo territorio, cultura complessa della parola e dell’incanto.

Concorso Internazionale di Poesia e Teatro Castello di Duino e Festa della Letteratura e della Poesia
Trieste – Duino (varie sedi)
11 marzo-24 marzo 2018

Home


https://www.facebook.com/Festa-della-Poesia-e-della-Letteratura-258541020994562/?fref=ts

TUTTI I VINCITORI DEL XIV CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA E TEATRO “CASTELLO DI DUINO”

Tre ex-aequo per il primo premio, che va al nigeriano Chinua Ezenwa-Ohaeto, alla sudafricana Sarah Lubala e al messicano Alan Bojórquez Mendoza. Vola in Messico anche il secondo premio, vinto da Daniel Alberto Pérez Segura. Terzo premio alla croata Ines Kosturin. Premio speciale della giuria all’ucraina Yuliia Kozhukhovska. Quasi mille gli autori che hanno partecipato alla più importante competizione letteraria internazionale per giovani autori, patrocinata dalla Commissione Nazionale UNESCO dal 2009.

Sono arrivate da 57 diversi Paesi, scritte in un caleidoscopio di lingue, le poesie che hanno partecipato quest’anno al XIV Concorso Internazionale di Poesia e Teatro Castello di Duino, la più importante competizione letteraria internazionale per giovani autori dello Stivale, che la Commissione Nazionale Unesco patrocina dal 2009. Anche quest’anno i lavori della giuria, di carattere internazionale e composta da poeti, critici e docenti di letterature comparate, hanno richiesto alcuni mesi, perché peculiarità del concorso è di valutare tutti i testi in lingua originale. Ai giovani poeti è stato chiesto di ispirarsi al tema di quest’anno: “Home/Casa”, intesa come luogo fisico o metaforico da cui si parte e a cui si ritorna, il proprio paese, la “patria”, ma anche un rifugio dell’anima, insieme di memorie, consuetudini, affetti. La competizione è riservata ai poeti fino ai 30 anni di età, con una graduatoria speciale per i giovanissimi, una sezione per le scuole e una sezione teatrale.

Una cinquantina tra i giovani autori che quest’anno hanno inviato versi e pièce teatrali da ogni angolo del globo arriveranno a Trieste per partecipare, dall’11 al 24 marzo, alla Festa della letteratura e della poesia. Quattordici giornate di conferenze, letture, workshop, concerti, spettacoli teatrali ed esposizioni, nel cui ambito, il 18 marzo, si svolgerà la cerimonia di premiazioni del Concorso, ospitata nel Castello di Duino, la dimora che ispirò Rainer Maria Rilke per le sue elegie.

Per la prima volta nella storia del Concorso quest’anno il podio va moltiplicato per tre: il primo premio se lo sono aggiudicati il nigeriano Chinua Ezenwa-Ohaeto con “My Home: May a Dawn bring a new Smile upon it” (La mia casa: possa un’alba portarle un nuovo sorriso), la sudafricana Sarah Lubala con “What to Say to the Immigration Officer When He Asks You Where You Are From” (Che cosa dire al funzionario dell’Ufficio immigrazione quando domanda “da dove vieni”) e il messicano Alan Bojórquez Mendoza con “Cita con La Muerte” (Appuntamento con la morte). Vola in Messico anche il secondo premio, vinto da Daniel Alberto Pérez Segura con “Despedidas” (Congedi). Terzo premio alla croata Ines Kosturin con “Dječje slabosti” (Debolezze infantili). A ciascuno di questi poeti va un premio in denaro di 500 euro, di cui una parte per regolamento del concorso viene devoluta dai vincitori a progetti umanitari nel loro Paese d’origine. Segnalato invece con il premio speciale della giuria “Caravel”, dell’ucraina Yuliia Kozhukhovska.

Vola in Nigeria anche la Targa Centro UNESCO di Trieste, vinta da Jonathan Otamere con “Ashes” (Ceneri), mentre la Targa Alut rimane in Italia: va al napoletano Emanuele Esempio, con “Austera”. Va a un giovanissimo autore italiano anche la Targa dedicata a Sergio Penco, compianto membro della giuria e raffinato poeta, destinata ai poeti under 16: quest’anno se la aggiudica il ferrarese Alessandro Gobbato, con “Parole di casa”.


Podio tutto italiano per la sezione teatrale del Concorso: la giuria ha assegnato un primo premio ex aequo (coppa, lettura scenica e pubblicazione) a Michael Crisantemi, di Terni, per “Io amavo quella casa” e a Francesca Venturelli (Giussago, Brescia), per “La piccola stanza a Kojo”. Secondo premio per Matteo Taccola (Livorno), con “Che il fango ci sia lieve”, terzo premio ex aequo per Michele Marro (Vernante, Cuneo), con “L’anonimo”, e Dario Pezzotti (Cimbergo, Brescia), con “La partita che finiva sempre in parità”.

Per la sezione riservata ai progetti delle scuole, infine, il primo premio, del valore di 500 euro, va stavolta diviso tra il liceo scientifico Antonio Roiti di Ferrara, per “The Poetry Art Book: Messages for Syrian Hell” e la scuola secondaria di I grado “Giacomo Bresadola”- I.C. Trento 5, per “Il villaggio della Poesia”. Il secondo premio, di 250 euro, è stato assegnato alla scuola secondaria di I grado Don Milani, dell’I.C. di Lesmo (MB), per “Esercizi di Poesia” e “L’officina delle parole”. Terzo premio ex aequo, 250 euro da dividere, alla scuola secondaria di I grado F. Rismondo di Trieste, per “Casa, metafora del nostro io”, e alla scuola secondaria di I grado Nazario Sauro dell’I.C. Giovanni Lucio (Muggia, TS) per “Casa Home”.

A testimonianza del forte impegno civile che caratterizza il concorso e per volontà di Antonietta Risolo, titolare della Casa Editrice Ibiskos Risolo, il ricavato del libro che raccoglierà le poesie dei vincitori andrà alla Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin, per i bambini vittime di guerra.

Festa della Letteratura e della Poesia e Concorso Internazionale di Poesia Castello di Duino
Trieste – Duino (varie sedi)
11-24 marzo 2018

Home

 

 

Condividi
  • 113
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *