Silvio Perrella, “Le vie dei canti”

PROGRAMMA
Giovedì 8 marzo

Ore 19 – Sala Amber 3
Le Vie dei Canti – Est, vado a vedere se di là è meglio
Con Francesco Cataluccio

Nel 1973 Angelo Maria Ripellino tracciò in Praga magica (Einaudi) una guida culturale della città, tra storia e arti. Francesco Cataluccio riparte da lì e conduce alla scoperta dell’est europeo tra passato e presente, chiedendosi, come già il titolo di un suo libro, se “di là è meglio” (Sellerio).

Venerdì 9 marzo

Ore 19 – Sala Amber 3
Le Vie dei Canti – Tutte le strade portano a Roma
Con Eraldo Affinati
Roma caput mundi, è ancora così? Il protagonista del romanzo Tutti i nomi del mondo (Mondadori) di Eraldo Affinati ricerca le persone incontrate nella vita e le trova in una scuola per immigrati a Colle Oppio: ventisei storie, un unico centro. Il punto di partenza di un viaggio fatto d’andirivieni.

Sabato 10 marzo

Ore 19 – Sala Amber 3
Le Vie dei Canti – A sud, in fondo al mondo
Con Silvio Perrella
Scrittura e lettura come avventure nello spazio che aprono personali “Vie dei canti”. Ideatore e curatore de Le vie dei canti, Silvio Perrella (In fondo al mondo, Mesogea; Giùnapoli, Neri Pozza; Doppio scatto, Bompiani), racconta il Sud insieme a La lente scura (Adelphi), di Anna Maria Ortese.

Domenica 11 marzo

Ore 19 – Sala Amber 3
Le Vie dei Canti – Il Giappone come metafora dell’Oriente
Con Giorgio Amitrano
Traduttore sia di grandi classici che di contemporanei della letteratura giapponese, Giorgio Amitrano, che ha diretto l’istituto di cultura italiana di Tokyo, ci fa viaggiare tra stili, abitudini e linguaggi di un mondo dove riti antichi e contemporanei s’intrecciano in un’affascinante mescola.

Una manifestazione di
La Fabbrica Del Libro
Promossa da
AIE – Associazione Italiana Editori
Fiera Milano

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *