Paul Celan, da “Conseguito silenzio”

Der Andere

Tiefere Wunden als mir
schlug dir das Schweigen,
größere Sterne
spinnen dich ein in das Netz ihrer Blicke,
weißere Asche
liegt auf dem Wort, dem du glaubtest.

(10 dicembre 1952)

L’altro

Più profonde ferite che a me
inflisse a te il tacere,
più grandi stelle
ti irretiscono nella loro insidia di sguardi,
più bianca cenere
giace sulla parola, cui hai creduto.

Traduzione di Michele Ranchetti

Paul Celan nacque nel 1920 a Cernovcy (Ucraina) e morì suicida a Parigi nel 1970.
Tra le sue opere pubblicate in italiano vanno ricordate la raccolta di saggi “Verità della poesia” (1993) e le raccolte poetiche “Di soglia in soglia” (1996), “Conseguito silenzio” (1998), “Sotto il tiro di presagi” (2001) e “La sabbia delle urne” (2016), tutte pubblicate da Einaudi e “Poesie” (1998), pubblicato da Mondadori ne I Meridiani.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *