Arte e poesia, Luca Donnini e il trip del corpo

Il 16 e il 17 aprile Luca Donnini con la sua personale “donnini a colori” esposti negli spazi della galleria Mondrian Suite di Roma (in via dei Piceni 41/43) ha celebrato la partenza del progetto CorpusTRIP che percorrerà in poco meno di due mesi ben diecimila chilometri attraversando 20 città europee, ognuna delle quali ospiterà un diverso e non programmato happening.

I ritratti fotografici in bianco e nero di grande formato realizzati dall’artista romano tra il 2007 e il 2010 diventano una mostra viaggiante. Un furgone guidato dall’autore toccherà diverse città italiane ed europee ‘contaminando’ con manifesti e azioni gli spazi urbani.

Il racconto dell’artista si snoda nel viaggio che la mostra itinerante intraprenderà tra aprile e maggio attraversando l’Europa.

Sul furgone di CorpusTRIP sono saliti: Luca Donnini, driver, il project manager Adi Chiru, il video reporter Alessio Maximilian Schroder e diverse copie delle 65 fotografie del Corpus, stampate in bianco e nero su carta blueback da affissione e destinate a restare come tracce nei luoghi espositivi che le accoglieranno lungo il percorso. 

Da Roma a Milano, Nîmes, Barcellona, Madrid, per poi tornare in Francia, per raggiungere poi Gran Bretagna, Olanda, Germania, Svezia e ridiscendere attraverso Polonia, Repubblica Ceca, Austria, Ungheria e Slovenia. G

li spazi espositivi non saranno gallerie, perché le tappe non hanno date certe e si accettano proposte lungo il cammino: a Madrid ad esempio le foto saranno ospitate in una piazza, ma “potrebbero essere appese in un palazzo abbandonato segnalato durante il viaggio – spiega l’autore – stese come lenzuoli o diventare un’installazione umana”.

Le mostre durano una serata e le opere vengono lasciate al loro destino. Donnini chiede soltanto di documentare, a chi ne farà parte, con foto e video, per poter registrare nella storia del viaggio anche quel che accadrà dopo la loro partenza.

http://corpustrip.com/

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *