Gatto News, “Tutti matti per i gatti” & programma

A Milano al via l’ottava edizione della rassegna di letteratura felina “Tutti matti per i Gatti”, dal 13 al 17 febbraio, alla libreria Mursia di Milano. 

“Del potere e dei gatti” è il titolo dell’ottava edizione della rassegna felinamente letteraria “Tutti matti per i gatti” che si inaugura lunedì 13 febbraio alle 17,30 a La Libreria Mursia (via Galvani, 24 – Milano): cinque giorni a base di libri, scrittori, letture e quadri per gli amanti dei mici (in Italia i gatti sono più di 8 milioni di cui quasi 1 milione nella sola Lombardia) in occasione della Festa del gatto che dal 1990 si celebra il 17 febbraio.

Quest’anno gli incontri ruoteranno attorno alla singolare relazione tra i potenti e i gatti, ma anche sul potere che i gatti hanno di migliorare la nostra vita quotidiana.

Dietro a molti potenti della Storia c’è stato o c’è un felino: dalla gatta d’angora di Augusto a Bastet della regina egizia Hatshepsut, da Cedric del conte di Southampton a Perruque di Richelieu a White Heather della regina Vittoria, passando ai felini che hanno accompagnato, consigliato e protetto intellettuali e rivoluzionari come Lenin e Rosa Luxemburg, o al consigliere con la coda di Churchill senza dimenticare il celebre Tabby, gatto amatissimo di Lincoln, per finire all’ormai celebre gatto di Benedetto XVI.

Anche sulla vita quotidiana delle persone comuni i gatti esercitano un potere straordinario, la loro presenza è un forte antidoto allo stress della vita quotidiana, un elemento di equilibrio e di serenità.

Declinato da tutti i possibili punti di vista il binomio potere e gatti sarà il filo conduttore della settimana del gatto che si inaugura con il vernissage della mostra di Franco Bruna: 15 opere nelle quali l’acquafortista e illustratore torinese ha espresso la sua creatività nel rapporto gatti e personaggi famosi e dove il protagonista è un gatto dalle sette vite che si trasforma a seconda dell’intellettuale, scrittore o artista al quale si accompagna: dai gatti tigrotti di Salgari al gatto moschettiere di Dumas; dal gatto pantera di Hemingway a quello pirata di Stevenson; dallo stregatto di Alice al gatto alpino di Quintino Sella; dal gatto marinaro di Susanna Agnelli a quello belle epoque di Gozzano fino al gatto sornione che gioca a scopa con Mario Soldati in un’osteria delle Langhe.

Come ormai da tradizione, per tutta la settimana nella Libreria Mursia sarà organizzata una raccolta benefica di cibo per i mici randagi di Mondo Gatto, l’associazione che collabora all’organizzazione della rassegna. Inoltre, si potranno consegnare in libreria le foto del proprio gatto per la pubblicazione sull’edizione 2013 del calendario e dell’agenda ‘I giorni dei gatti’.

— 

IL PROGRAMMA DEGLI APPUNTAMENTI

 

Lunedì 13 febbraio, ore 17.30 – Inaugurazione della mostra di Franco Bruna

Lunedì 13 febbraio, ore 18.00 – “Le leggi dei gatti”: un incontro per discutere sugli aspetti giuridici, assistenziali e normativi che riguardano mici domestici, colonie feline, territori, vigenti sia a livello nazionale e a livello locale. Parteciperanno all’incontro di apertura di “Tutti matti per i gatti” Gianluca Comazzi, presidente F.I.B.A. Italia e Valerio Pocar, neo Garante per la Tutela degli animali del Comune di Milano.

— 

Martedì 14 febbraio, ore 18.00 – “Il gatto è messaggio: la comunicazione felina”. Chi ama i felini sa bene come il micio sappia farsi capire, sappia intrattenere, conversare, brontolare e persino reclamare. Durante l’incontro due comunicatori come il giornalista Luca Goldoni (notissimo esploratore del mondo della natura perché convinto che, proprio attraverso la conoscenza e il contatto con gli animali, anche noi bipedi potremmo avvicinarci al senso più vero e misterioso della vita) e come Ida Carruggi (che con Anima Edizioni ha pubblicato Da cuore a cuore. Comunicazioni con gli animali) indagheranno sulle regole e l’interpretazione della lingua felina.

— 

Mercoledì 15 febbraio, ore 18.00 – “Il potere dei gatti”. Benessere, armonia, equilibrio, energia, capacità di osservazione, attitudine all’estraniamento: quante sono capacità dei possessori di baffi e coda che potrebbero esserci utili? Molti politici e uomini di potere lo hanno del resto ben capito come testimonia una recente ricerca realizzata dall’Università di Warwick in Inghilterra che sarà illustrata in questo incontro da Roberto Allegri, scrittore e autore di 1001 Cose da sapere e da fare con il tuo gatto (Newton Compton) e Carola Vai, giornalista e autrice di In politica se vuoi un amico comprati un cane (Daniele Piazza Editore).

 —

Giovedì 16 febbraio, ore 18.00 – “Gatti rossi e gatti neri”. Una tribuna politica in cui è protagonista il micio per capire cosa c’entri con l’arte del governo e la ragion di stato, se sia un animale democratico o totalitarista, se sia di destra o di sinistra insieme a due politiche ‘ vere’: Rosaria Iardino, presidente di Donne in Rete e membro del coordinamento nazionale delle donne del Pd e Paola Frassinetti, parlamentare PdL.

— 

Venerdì 17 febbraio, ore 18.00 – Nell’incontro conclusivo, in occasione della Festa del gatto, presentazione di Gatti e potere (Mursia), l’ultimo libro di Marina Alberghini, studiosa ed esperta di letteratura francese ma, soprattutto, apprezzata storica della felinità. Insieme a Luca Gallesi, Alberghini (che con Mursia ha già pubblicato Jacopo Bassano e il suo gatto, Il gatto cosmico di Paul Klee, L’ombra del gatto, La notte incantata, Suzanne Valadon o l’amore felino, Un gioiello per il re, e la prima biografia italiana di Céline, Louis-Ferdinand Céline, gatto randagio, vincitore del Premio Firenze, Fiorino d’oro per la saggistica) illustrerà la galleria di ritratti di mici raccolti nel volume, gatti che sono stati al fianco dei potenti della storia di tutti i tempi, accolti e custoditi nelle corti di imperatori, re e regine o che hanno protetto e consigliato intellettuali, rivoluzionari, politici e persino capi di stato anche in tempi recenti. Nel corso della serata, inoltre, la scrittrice Costanza Savini, leggerà alcune poesie in ricordo di Giorgio Celli, scrittore e famoso etologo recentemente scomparso, che accanto a sé ha avuto Tacchione, Lussi, Ciro, Enoch, Micina, Fantasmino, Bianca e uno stuolo di presenze gattesche che, al calar della sera, scendevano dagli alberi, entravano e uscivano dalle finestre, dalle porte, dagli abbaini della sua casa e che erano soprannominate “i gatti filanti”.

 —

GATTO NEWS

LA FESTA DEL GATTO

Introdotta nel 1990 da un referendum proposto ai lettori della rivista “Tuttogatto”, la scelta cadde proprio sul mese di febbraio perché il segno dell’Acquario riassume le caratteristiche dei mici: intuito, libertà e anticonformismo. La scelta del giorno è caduta su il 17, che in numero romano si scrive XVII e anagrammato diventa VIXI, parola latina che significa “ho vissuto”.

 

QUALCHE DATO

Nel nostro Paese 4 famiglie su 10 convivono con un animale domestico e i gatti accuditi in casa sono 8 milioni. L’identikit dell’italiano che possiede un animale segnala la prevalenza di donne con un nucleo familiare composto da due persone, con un lavoro fisso e un diploma. Secondo il Censis, il comparto dell’assistenza sanitaria ha tenuto negli ultimi anni nonostante la crisi e le spese veterinarie siamo aumentate del 2,2%. Il dato percentuale dei possessori di gatti domestici in Lombardia è in linea con quello nazionale. Altro tema è quello dei randagi: nella sola Milano, l’ultimo censimento realizzato dalla Asl Veterianaria sulla base delle dichiarazione delle oltre 600 persone che, quotidianamente, curano gli homeless a quattro zampe, stima in 480 il numero delle colonie presenti nell’area cittadina, per un totale di più di 4.600 felini.

 

MURSIA EDITORE GATTOFILO

Dal 1990 Mursia edita la collana Felinamente & C. dedicata ai gatti e ai grandi scrittori gattari: un centinaio i titoli pubblicati che comprendono, oltre ai manuali per vivere con i piccoli felini, anche capolavori della letteratura come Il gatto bianco di Drumguinnol di J.S Le Fanu; Tom Quartz & altri gatti di Mark Twain, L’invio di Dana Da e il gatto che se ne andava da solo di Ruyard Kipling, Vite di due gatte di Pierre Loti; Serraglio Privato di Theophile Gautier, Misti di Guy de Maupssant e il celeberrimo Il gatto nero di E.A. Poe.

Molti sono gli scrittori e i poeti che sono debitori ai gatti di ispirazioni letterarie. Aldous Leonard Huxley (1894-1963) ai suoi allievi che gli avevano chiesto il segreto per avere successo in letteratura rispose: «Se volete scrivere, tenete vicino un gatto».

Ernest Hemingway (1899-1961) ha sempre vissuto con colonie di gatti, il più famoso dei quali era Snowball, il felino a sei dita. Altro scrittore con passioni gattare è stato Pablo Neruda (1904-1973) che ha dedicato al gatto un’ode. Prima di lui avevano trovato ispirazione nei musi dei mici Charles Baudelaire (1821-1867) William Wordsworth (1770-1850) e Heinrich Heine (1797-1856).

Anche il nostro Torquato Tasso (1544-1595) scrisse il Sonetto per i miei gatti mentre l’immortale Francesco Petrarca (1304-1374) amava teneramente il proprio micio per il quale scrisse, così si racconta, un epitaffio che recita: «Secondo solo a Laura». Nutrita la pattuglia di scrittori francesi sedotti da coda e baffi: Dumas, Balzac, Theophile Gautier e Guy de Maupassant. Céline immortalò nelle pagine della Trilogia del Nord il suo gatto Bebert che accompagnò lo scrittore e la moglie nella fuga dalla Francia.

Impazzivano per i gatti Cechov, sir Walter Scott, Miguel de Cervantes, Alexandre Dumas e Colette.

— 

In allegato, la copertina di Gatti e Potere (Mursia) di Marina Alberghini e la riproduzione di alcune opere di Franco Bruna che saranno esposte durante la rassegna.

press@mursia.com; ufficiostampa2@mursia.com

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

  1. Oddio mi sembra di sognare stamani! Grazie Sorrentino, ancora una volta devo inchinarmi al suo straordinario acume e alla sua forte sensibilità! Ero una bambina di soli 10 anni quando iniziai il mio percorso amoroso con i gatti, oggi sono trascorsi oltre 50 anni da allora e ho qui al mio fianco Azzurrina e Volpina, per non dimenticare gli ‘orfanelli’, (tantissimi negli anni trascorsi) a cui io e una amica, attualmente 12 mici e micie, provvediamo giornalmente alla loro sopravvivenza. Oltre mezzo secolo all’insegna dei gatti, e così sarà fino alla mia fine… Che meraviglia e che gioia trasmettono queste creature!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *