Al via il Festival dell’inedito

Romanzi, poesie, sceneggiature cinematografiche, testi teatrali, fiction, format televisivi che rischiano di restare nel cassetto hanno una nuova chance. Con il ‘Festival dell’Inedito’, inaugurato con la messa on line del sito www.festivaldellinedito.it., tutte le persone che amano scrivere, nella più ampia accezione del termine, e non hanno ricevuto attenzione, potranno veder pubblicate o prodotte le loro opere.

Fino al 31 maggio prossimo, attraverso il sito, gli aspiranti scrittori, sceneggiatori e autori di format tv potranno inviare i loro testi che saranno valutati dal ‘Comitato lettori’, presieduto dallo scrittore Antonio Scurati e del quale faranno parte, fra gli altri, Carlo d’Amicis, Paola Pascolini, Linda Ferri, Giuseppe Antonelli e Chiara Valerio.

“E’ la realizzazione – dice Scurati – di un’ideale virtuoso di comunicazione letteraria orizzontale, libera, democratica e aperta a tutti. Si prospetta cosi’ un orizzonte futuro in cui la linea di separazione tra chi scrive e chi legge non sia più un confine invalicabile, presidiato e spesso sbarrato dal sistema della produzione culturale industriale e della comunicazione commerciale, ma una frontiera aperta, facilmente transitabile in un senso e nell’altro”.

La selezione dei migliori sarà fatta, sempre da Scurati, con i membri del ‘Comitato dei garanti’ del quale fanno parte, al momento, il sindaco di Firenze Matteo Renzi, l’attore teatrale Luca De Filippo, la presidente dell’Accademia della Crusca Nicoletta Maraschio, il presidente della Federazione Unitaria Italiana Scrittori Natale Rossi, il direttore generale della Siae Gaetano Blandini, il presidente del Consorzio Internazionale tv Sparks Network Nicola Soderlund e il presidente della Fondazione Florens Giovanni Gentile.

L’evento si concluderà con la tre giorni di festival dedicata all’esposizione e alla selezione finale delle opere che si svolgerà a Firenze il 26, 27, 28 ottobre alla Stazione Leopolda.

Ogni anno in Italia vengono realizzati oltre 100 mila manoscritti, proposte, idee ma una minima parte entra nel circuito editoriale o in quello delle produzioni. A questi talenti inespressi viene data ora la possibilità di avere un giudizio critico della loro opera e per i migliori, la pubblicazione con un importante editore o la realizzazione della sceneggiatura o del format da parte di una importante casa di produzione.

Le opere dovranno rientrare nelle seguenti categorie: narrativa in prosa e poesia (romanzi, saggi, fantascienza e fantasy, giallo e noir, cucina, favole e fiabe, sport, raccolta di poesie), nuove piattaforme (racconto in 10 mila battute per tablet e frasi twitter da 140 caratteri), intrattenimento televisivo (format e fiction tv), testi teatrali e sceneggiature cinematografiche. “Vedere assieme – dice Alberto Acciari, ideatore e organizzatore del Festival con la sua Acciari Consulting – manoscritti, proiezioni di frasi twitter nonché promo di fiction e format, testi teatrali, sceneggiature cinematografiche, costituirà un bellissimo viaggio fra le idee e la cultura degli italiani”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti (4)

  1. In
    teressante iniziativa, forse è da inserire qualche dettaglio in più per la poesia ( numero delle composizioni o dei versi).Congratulazioni per l’impegno preso…seguirò gli sviluppi.
    Iole Chessa-Olivares

  2. peccato che richiedano costi di iscrizione altissimi (140 euro) e 400 euro per l’affitto dello stand. importi cui deve aggiungersi l’Iva, naturalmente.
    i soliti avvoltoi dell’editoria, che fanno i soldi sulle speranze di chi scrive e vorrebbe pubblicare.
    che schifo.

  3. Buonasera, grazie per l’interesse dimostrato verso il Festival dell’inedito, approfittiamo per dire che stiamo aggiornando il regolamento e i costi, potrò darvi qualche informazione in più entro un paio di giorni. Per quanto riguarda la poesia: verranno selezionate raccolte di almeno 20 componenti.
    Continuate a seguirci…

  4. Grazie per la notizia e per l’interesse dimostrato all’evento, che non è solo un concorso letterario ma anche un modo nuovo per mettere a confronto autori/editori/esperti nei tre giorni che ci sarannoa Firenze dal 26 al 28 ottobre, presso la Stazione Leopolda. Stiamo aggiornando i costi e il regolamento, tra un paio di giorni potremo fornirvi maggiori dettagli. Intanto posso dire alla Sig.ra Iole Chessa-Olivares che saranno valutate raccolte di poesia di almeno 20 componimenti.Continuate a seguirci…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *