A “Notti d’autore” Enzo Cucchi

Enzo Cucchi è il protagonista della terza puntata di “Notti d’autore“, in onda il 24 gennaio alle 0:30 su Rai Radio Uno. Il programma di Luigia Sorrentino che va in onda settimanalmente nella notte tra il mercoledì e il giovedi raccoglie la testimonianza esemplare ed esclusiva di un artista dallo straordinario talento visionario.
Enzo Cucchi è uno dei principali protagonisti della corrente italiana denominata dal critico Achille Bonito Oliva negli anni Ottanta “Transavanguardia”. Una corrente artistica che si proponeva il ritorno dell’arte alla manualità, al disegno, alla vera pittura, per chiudere definitivamente la parentesi dell’arte cosiddetta ‘concettuale’.

L’audio dell’intervista a Enzo Cucchi di Luigia Sorrentino

Nato a Morro d’Alba, un paesino in provincia di Ancona nel 1949, Enzo Cucchi si è avvicinato alla pittura da autodidatta. L’esordio nel 1977 con alcuni disegni esposti agli Incontri Internazionali d’Arte di Roma. Un segno forte emerge da quelle prime opere lo impongono sulla scena italiana, e poi su quella internazionale, come uno dei più grandi artisti del Novecento.
Sostando davanti alle opere di Enzo Cucchi, artista istintivo, si tenta di decrittare messaggi. Grandi mani, teste enormi, volti che sovrastano il paesaggio, ma anche semi giganti, enormi bozzoli, germi, ragni, formiche, grandi torri, un infinito accostamento di segni e simboli umani e post umani emergono dalle sue opere. L’osservatore cerca una narrazione. A volte la trova, altre volte no, e allora cerca l’impulso di una storia nei titoli delle singole opere, un ingresso per accedere all’opera, o, di contro, un’uscita dall’opera, dopo aver attraversato il colore o il dettaglio suggerito da Enzo Cucchi”.
Nell’intervista Enzo Cucchi, “poeta muto”, sollecitato dall’intervistatrice spiega lo stretto rapporto avuto fin dall’inizio della sua carriera con poeti e scrittori come Giovanni Testori, Goffredo Parise e Paolo Volponi.
Sullo sfondo il famoso e raro “libro nero” di Enzo Cucchi, del 1977, dal titolo: “Il veleno è stato sollevato e trasportato”. Un libro che sintetizza il percorso artistico che compirà Enzo Cucchi. Un libro giovanile che porta in sé il germe dell’artista preannunciando il percorso che compirà Enzo Cucchi proiettandosi in una prospettiva di ‘piacere’ e dentro il territorio del ‘desiderio’ “.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti (5)

  1. Enzo Cucchi, un artista inconsapevole della propria arte, con l’unica ammissione d’ammettere trattarsi di talento. Per il resto, istinto e stupore (innanzitutto da parte di se stesso) davanti all’arte che produce: un puro e assoluto gesto creativo, per il quale non ha spiegazioni e ancor meno teorie da proporre. Il suo unico ruolo, sembra dire, è la sua disponibilità e capacità fisica al gesto. Appunto nasce da autodidatta. È l’artista-bambino che ancora in assenza di linguaggio stupisce per i suoi gesti e per i ghirigori che traccia dovunque. Credo d’avere assistito a una intervista-monologo, in cui l’intervistante pone domande intelligibili e conseguenziali, alle quali l’intervistato risponde monotonamente di non sapere o di non dover rispondere, piuttosto stupito che gli vengano proposte…poiché, per lui, tutto è chiaro: tutto preesiste, al suo talento il semplice ruolo di rivelarlo.
    Mi piace · · Giovedì alle 9.38

  2. Personaggio difficile da intervistare, è chiaramente irritato dall’enfasi, dalla retorica, dall’intelletto, e dalla parola, con la quale rivela, alla fine dell’intervista, di non sentirsi a suo agio.

  3. Alfonso Cataldi si capisce bene nell’intervista che Enzo Cucchi è proprio così come lo ha sentito, non era a disagio, lui è così! Se Enzo Cucchi si fosse trovato a disagio, come dice lei, non avrebbe accettato l’intervista. E infatti – piaccia o no – caratterialmente, quello che ne esce fuori è proprio il suo “ritratto d’artista”.

  4. Il server non trova l’audio dell’intervista a Enzo Cucchi di Luigia Sorrentino: c’è un modo per riascoltarlo? Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *