Patrick Williamson & Chi Trung

 

milanoaprile[1]Giovedì 30 aprile, alle ore 21.00, la Casa della Poesia di Milano ospita e propone una serata di Poesia Internazionale a cura di Amos Mattio (Segretario della Casa) e di Alessandro Canzian (titolare della Samuele Editore). Due autori diversi sia per tono poetico sia per provenienza geografica: Patrick Williamson, autore inglese ma residente da molti anni in Francia, in Italia ha pubblicato due volumi (Nel santuario, Samuele Editore 2012, prefazione di Anne Talvaz, e Beneficato, Samuele Editore 2015, prefazione di Guido Cupani). Williamson, nello specifico nel suo ultimo volume apparso in Italia, propone una raccolta che è dichiaratamente una raccolta di poesie trovate. La dichiarazione fa parte del gioco. Il testo di partenza è Humboldt’s Gift (Il dono di Humboldt), il noto romanzo di Saul Bellow. Gifted (Beneficato) è già un riferimento all’autore, oltre che all’opera: trovare poesie significa, in un certo senso, ricevere un dono ed esserne beneficato. Beneficato è uno stralunato viaggio ultramondano in cui distacco e partecipazione, assoluto e quotidiano convivono (dalla prefazione di Guido Cupani). Autore più volte apparso in territorio nostrano è risultato finalista al Premio Camaiore Internazionale nel 2013 e gli è stata assegnata una menzione speciale al Premio Gozzano 2014.
L’altro autore in serata è Nguyen Chi Trung, considerato il maggior esponente della poesia vietnamita vivente, edito in Italia sempre da Samuele Editore (Venti, 2014, prefazione di Zingonia Zingone). Autore complesso e intensamente filosofico Chi Trung percorre l’esistenza in un poemetto sul mondo, gli uomini, la poesia, trovando il vero attraverso la parola poetica, unica sostanza veramente capace di affrontare la crudeltà dell’esistenza: E l’uomo, anche lui materia, resta in balìa dei venti. Polvere, Nuvole, Pioggia e Luce solare, sono altri titoli di poemetti composti da questo religioso senza religione che si domanda cosa significhi veramente l’esistenza umana. Attraverso una serie d’interrogativi, Venti induce all’introspezione. Sono domande fondamentali, filosofiche, rivolte a capire il perché, il come, il quando, il da dove e il verso dove dell’uomo e di tutto ciò che lo circonda. È crudele ma possibile che l’uomo nasca e muoia su questa terra, senza mai trascendere; o forse la sua trascendenza sta nella trasformazione in altri elementi della materia, come la polvere che viene spazzata via dal vento (dalla prefazione di Zingonia Zingone).

 
 
 
 
Diventai, post-mortem,
ancora più deciso
fuggii balzai
come ragazzo notevole
a cinquant’anni ispirato
alla fuga la notte stessa
urlai che potevo
come corsi cristo volavo
in forma smagliante
turgido il fianco nudo e
le sue ossa si sbriciolarono
sporcizia, nient’altro

Patrick Williamson 
 
 
 

Venti del cielo, che il cielo separate,
del cielo che stanotte sarà strappato
non a causa d’un essere umano
vuoto ancora di passato.
Si sono smarrite per sempre
quelle vite vicinissime all’arte?
Vicinissime come il fiume al pescatore,
la foresta al suo guardiano…
Lo spazio del Qui e dell’Ora è senza
gratitudine, senza considerazione alcuna.
Dalle origini la terra porta il suo dolore,
lo porta? Lo deve.

Nguyen Chi Trung

___

Giovedì 30 aprile ore 21.00
Patrick Williamson & Chi Trung
Casa della Poesia di Milano
Palazzina Liberty
Largo Marinai d’Italia, 1
Milano

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *