I tre finalisti del Premio Giosuè Carducci 2016

cascard(Nella foto, la casa natale di Giosuè Carducci a Pietrasanta).

Daniele Gorret con “Quaranta citazioni per Anselmo Secòs” (Editore LietoColle), Maddalena Lotter con “Verticale” (Editore LietoColle) e Vivian Lamarque con “Madre d’Inverno” (Mondadori) sono i tre finalisti della sessantesima edizione del Premio nazionale Giosuè Carducci di poesia.

E’ stata ufficializzata dalla giuria del premio promosso dal Comune di Pietrasanta (Lucca) la terna dei poeti che mercoledì 27 luglio, nella cornice suggestiva di piazza Duomo, saranno protagonisti della serata finale del concorso intitolato al premio Nobel per la letteratura. In quella data sarà proclamato il vincitore. Nato a Valdicastello, frazione collinare della ‘Piccola Atene’ dove la sua casa è diventata un museo, Giosuè Carducci è cittadino illustre di Pietrasanta.

I tre finalisti sono usciti da una rosa di 105 libri: un vero e proprio record. “Sono estremamente soddisfatta per la grandissima adesione al concorso e per il livello delle proposte. Non è stato facile – commenta Ilaria Cipriani, presidente della giuria del Premio Carducci composta da Antonio Riccardi, Carlo Carabba, Stefano Dal Bianco e Umberto Fiori – La terna è variegata, le scritture sono potenti, i tre autori sono dei talenti indiscutibili a dimostrazione che la poesia non ha tempo“.

Altro elemento di novità rispetto al passato sarà la cerimonia finale, in piazza Duomo, attraverso l’intreccio tra canto, danza e poesia. “Trasformeremo il cuore del centro storico di Pietrasanta – spiega Cipriani – in un salotto letterario ottocentesco. Mescoleremo canto lirico, coreografie e parole ed esalteremo la potenza dei testi e la bellezza della poesia. Sarà un grande spettacolo aperto a tutti”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *