Teatro per giovani registi under 30

La Biennale di Venezia / Biennale College – Teatro
Da sabato 4 marzo è on line sul sito www.labiennale.org il primo bando di Biennale College – Teatro per giovani registi italiani under 30

La Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta, avvia il programma di Biennale College – Teatro con il lancio del primo bando sul sito che rimarrà aperto da domani, sabato 4 marzo, fino al 3 aprile. Il bando, secondo il progetto del Direttore Antonio Latella, è rivolto a registi italiani di età compresa tra i 18 e i 30 anni, focalizzando per la prima volta Biennale College – Teatro sulla figura del regista.

I registi dovranno proporre un proprio progetto inedito o che non sia stato rappresentato in forma completa.

Questa prima sezione di Biennale College – Teatro – registi si svilupperà nell’arco del biennio 2017-2018 e seguirà diverse fasi che si svolgeranno sempre a Venezia:

La prima fase avrà luogo nel mese di maggio con i primi registi ammessi – fino a un massimo di 30: da questa fase verranno ulteriormente selezionati 5 registi.

La seconda fase vedrà i 5 registi selezionati presentare la prima parte del proprio progetto – della durata di circa 30’ – alla presenza degli allievi e dei maestri che parteciperanno alle attività della Biennale Teatro 2017 e del relativo College; da questa presentazione emergerà un unico vincitore.

Nella terza fase il regista vincitore, a cui è destinato un premio di produzione (fino a un massimo di 110.000 euro), realizzerà il suo spettacolo, definendolo e sviluppandolo in tutti i suoi aspetti con il supporto del Direttore artistico del Settore Teatro Antonio Latella.

La quarta fase vedrà il debutto dello spettacolo così realizzato nell’ambito della Biennale Teatro 2018.

“In un periodo storico dove è evidente la frattura tra le passate e le nuove generazioni impegnate nella scena – si legge nel bando -, la Biennale Teatro s’impegna a valorizzare il lavoro di chi non ha ancora raggiunto una vasta visibilità, per età  per oggettive difficoltà d’ingresso nel panorama teatrale. (…)   Il bando è per il primo anno indirizzato soltanto a registi italiani; questa scelta nasce dalla constatazione della difficoltà incontrata dai nostri giovani artisti nel proporre le proprie opere a un vasto pubblico e alle istituzioni”.

“La formula del College – afferma Paolo Baratta – promuove nuove energie e talenti impegnati nella realizzazione di un lavoro e al tempo stesso offre la piattaforma nella quale il lavoro possa essere immediatamente presentato al pubblico e al mondo del teatro”.

Il testo ufficiale e completo del bando per Biennale College – Teatro – registi 2017 è consultabile all’indirizzo: www.labiennale.org.

Biennale College è un’esperienza innovativa e complessa che integra tutti i settori della Biennale di Venezia – Cinema, Danza, Musica, Teatro – per promuovere giovani talenti offrendo loro di operare a contatto di maestri per la messa a punto di creazioni.

Biennale College – Teatro, realizzato dalla Biennale di Venezia, ha il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale dello Spettacolo e della Regione del Veneto.

Antonio Latella

Note biografiche su Antonio Latella (Castellammare di Stabia – Italia, 1967) –

Attore, regista e drammaturgo di fama europea, Antonio Latella vive a Berlino dal 2004. Ha studiato recitazione presso la scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Franco Passatore e a La Bottega Teatrale di Firenze, fondata da Vittorio Gassman. Come attore ha lavorato con registi Pippo Di Marca, Luca Ronconi, Giuseppe Patroni Griffi, Massimo Castri, Elio De Capitani, Walter Pagliaro, Tito Piscitelli, Vittorio Gassman. Ma ha raggiunto la fama in Italia e in tutta Europa con il suo lavoro come regista, che ha iniziato nel 1998, prendendo le sue produzioni per i più importanti teatri e festival internazionali, da Avignone a Vienna e Salisburgo.
Nel 2001 ha vinto il suo primo premio Ubu per il progetto Shakespeare e oltre , e nel 2004 il Premio Gassman come miglior artista dell’anno. Nel 2013 ha vinto il suo quarto premio Ubu.
Come regista di opera lirica, ha debuttato nel 2004 a Lione con Claudio Monteverdi L’Orfeo , seguito da di Gluck Orfeo ed Euridice e Tosca di Giacomo Puccini.
Più recenti produzioni di Latella includono: Un tram chiamato desiderio di Tennessee Williams (2012), Die Wohigesinnten (Le benevole), tratto dal romanzo monumentale per autore franco-americano Jonathan Littell, prodotto dalla Schauspielhaus di Vienna, con un cast austriaca (2013 ), L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde (2015). Quest’anno ha presentato Edipo tratto da Sofocle al Teatro di Basilea e la maratona di Santa Estasi – Atridi: otto ritratti di famiglia al Teatro delle Passioni di Modena con attori e drammaturghi del Corso di istruzione superiore della Fondazione Emilia Romagna Teatri.
E’ stato il direttore artistico del Nuovo Teatro Nuovo di Napoli per la stagione 2010/2011. Nel 2011 ha fondato la sua compagnia, la stabilemobile Compagnia Antonio Latella.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *