Ida Travi, Tasàr

In un campo ai bordi di un’autostrada, alcuni esseri umani si trovano a vivere la loro condizione di parlanti. Parlano una lingua ridotta all’osso. Sono i Tolki. Con loro vive Tasàr, alterego di Balthazar, asinello celebrato da Robert Bresson nel cinema. Nel campo c’è fango e neve. C’è un rifugio e uno schermo. Una corda. Una palizzata.

Tasàr è il quinto libro della sequenza poetica sui Tolki, con cui Ida Travi ha inaugurato la sua poetica epopea contemporanea, dove campeggiano non le grandi gesta degli eroi, ma i minimi gesti dei sopravvissuti.

Chi sono i Tolki? Scrive Ida Travi:“Penso a un Tolki come a un parlêtre, un essere marchiato dal linguaggio. Parlêtre è un neologismo di Lacan che fonde l’essere al linguaggio. Vedo i Tolki come lavoranti o non lavoranti, esseri che nello scontro con la poesia assumono in se stessi il peso d’una lingua povera, dura come una colpa, leggera come una liberazione”.

QUI UN’ANTICIPAZIONE TRATTA DAL LIBRO
“Noi lo chiamiamo Antòn”
Voce recitante, Ida Travi

Ida Travi nasce a Cologne, (Brescia), nel 1948.
La sua poesia si inscrive nel rapporto tra oralità e scrittura.
In prosa nel 2000 pubblica L’aspetto orale della poesia, terza edizione Moretti&Vitali, 2007 e nel 2015 Poetica del basso continuo. In poesia, sempre per Moretti&Vitali pubblica la sequenza poetica sui Tolki, i parlanti. in quattro libri: TA’ poesia dello spiraglio e della neve (2011) Il mio nome è Inna (2012) e Katrin. Saluti dalla casa di nessuno (2015) e Dora Pal, la terra. (2017). L’uscita del quinto libro della sequenza poetica è prevista per settembre 2018. Per il teatro l’atto tragico Diotima e la suonatrice di flauto è edito da Baldini Castoldi Dalai nel 2004 e nel 2011 opera lirica, Tesi di Laurea in Composizione del M° Andrea Battistoni. Su suoi radiodrammi e sue poesie alcuni compositori contemporanei hanno composto musiche originali.

Condividi
  • 50
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *