Vincenzo Mascolo, una poesia e “Scovando l’uovo”, (appunti di bioetica)

Vincenzo Mascolo, credits photo Dino Ignani

LE PICCOLE ROSE

Verrà il tempo, mi dici,
che torneranno a fiorire le piccole rose
che abbiamo legato ai nostri balconi
con un filo di rame sottile, per tenerle al sicuro dal vento.
Verrà quel tempo, mi dici,
e allora di primo mattino
le scioglieremo ad una ad una dal filo
e resteremo a guardare che si dischiudano al sole.
Ci sarà un tempo, ti dico,
per tutte le cose,
anche per vedere sbocciare e poi sfiorire di nuovo
le nostre piccole rose.

Vincenzo Mascolo (Salerno, 1959) vive a Roma. È il direttore artistico di Ritratti di poesia, manifestazione di poesia contemporanea italiana e internazionale promossa dalla Fondazione Roma. Ha pubblicato Il pensiero originale che ho commesso (Edizioni Angolo Manzoni, 2004) e Scovando l’uovo (appunti di bioetica) (LietoColle, 2009). Nel 2010 un estratto del poemetto inedito Bile è stato pubblicato nell’antologia Orchestra — poeti all’opera (numero tre), a cura di Guido Oldani (LietoColle). Per la casa editrice LietoColle ha curato le antologie poetiche Stagioni, con Stefania Crema e Anna Toscano (2007), La poesia è un bambino (2008), e insieme a Giampiero Neri Quadernario — Venticinque poeti d’oggi (2012). La sua ultima pubblicazione è un poemetto, “Q. e l’allodola”, uscito con Mursia nel 2018.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *