Il Rotary Club di Torre del Greco conferisce a Massimo Cacciari il Premio “La Ginestra 2018”. La cerimonia di premiazione nella settecentesca Villa delle Ginestre

Massimo Cacciari / ph. Ansa

E’ il filosofo Massimo Cacciari il vincitore del premio “La Ginestra” 2018, che gli sarà consegnato a Torre del Greco giovedì 13 settembre. Il riconoscimento, giunto alla dodicesima edizione, è promosso dal Rotary Club Torre del Greco Comuni Vesuviani – presieduto da Vittorio De Feo – in collaborazione con la Fondazione Ville Vesuviane e l’Università degli Studi di Napoli Federico II come riconoscimento ai più prestigiosi studiosi dell’opera leopardiana.

“Fare filosofia – si legge nella motivazione – implica per Cacciari interrogare quasi necessariamente le opere di grandi artisti. Esse mettono in gioco una ricchezza di vita ineguagliabile. Pongono domande alla cui profondità solo i loro linguaggi sembrano alludere nella maniera più radicale. Il fare dell’arte parla di conflitti in perenne contesa. Presenta questioni e dilemmi che non hanno soluzioni fisse e definitive e che nessuna scorciatoia può risolvere. Gli studi leopardiani si collocano all’interno di questo scenario filosofico. Continua a leggere

Oltre la siepe. Omaggi a Giacomo Leopardi

PIOAppuntamento
___
 
A Roma alla Galleria PIO MONTI Artecontemporanea, Oltre la siepe. Omaggi a Giacomo Leopardi
___
 
 
 
OPENING 12 DICEMBRE 2014 ore 18 (dal 12 dicembre 2014 al 13 gennaio 2015).
 
Per me, marchigiano e giardiniere dell’Arte contemporanea, la siepe di Leopardi non è soltanto sublime poesia, ma vita vissuta “E il suon di lei (CMaj7) diventa nostalgia infinita” 
(Pio Monti, 2014). Continua a leggere

Fabrizia Ramondino, scrittrice in “viaggio”


massimopastore_com_1142542682Mercoledì 4 giugno 2014
al Teatro Argentina di Roma, Sala Squarzina, ore 17,30, si terrà l’incontro: “Fabrizia Ramondino: scrittrice in “viaggio“. Il titolo si riferisce alla poetica della scrittrice (viaggio come ricerca) e alla dinamica appartenenza-fuga che caratterizza la sua formazione e le sue opere. Queste ultime costituiscono nel loro insieme diverse stazioni attraverso generi e codici espressivi differenti – dal diario al romanzo al teatro al cinema – di quella che la stessa Ramondino ha definito la sua «avventurosa navigazione verso l’isola di Utopia» .

(La foto di Fabrizia Ramondino è di Massimo Pastore). Continua a leggere