Il tema paterno nella poesia italiana del Novecento

padri_718Giovedì 17 marzo, ore 19.30, LABORATORIO FORMENTINI

PADRI: (il tema paterno nella poesia italiana del Novecento)1/2

a cura di Milo De Angelis

Come appare il personaggio paterno nei poeti del nostro tempo, come si manifesta il suo carattere, il suo insegnamento, la sua memoria, la sua mancanza, la traccia della sua parola: dodici autori – da Pascoli ai nostri giorni – scelti da Milo De Angelis e letti da Viviana Nicodemo. Continua a leggere

Viaggio poetico e di protesta per la riapertura della casa di Antonia Pozzi

antonia_pozzi

Il nuovo Viaggio poetico con la richiesta di riapertura della casa di Antonia Pozzi a Pasturo, si terrà sabato 10 ottobre 2015.

Si partirà da Milano, stazione centrale al mattino alle ore 8 per rientrare alle 16. Costo biglietti treno e bus, andata e ritorno, euro 14. Con 12 euro si può pranzare in trattoria a Pasturo prima di ritornare a Milano.

Organizzazione: Associazione IL TEATRO DELLE DONNE. Per informazioni: leparoledelledonne@libero.it

“Lo scorso 5 settembre scorso, abbiamo organizzato una gita poetica per ricordare Antonia Pozzi; siamo partiti al mattino presto dalla stazione centrale di Milano per andare, prima con il treno e poi con il bus, a Pasturo dove la poetessa si rifugiava appena poteva. Continua a leggere

Premio “PrimaveradellaPoesia” 2014

alda-meriniPremio “PrimaveradellaPoesia” ALDA MERINI|ANTONIA POZZI – PIERA BADONI|CAMILLA CEDERNA

di Matteo M. Vecchio

“Ciò che permette di accostare queste quattro Signore – come le ha definite Franco Buffoni –, oltre all’identità lombarda, è un’esistenza essenzialmente estranea a consolidati canoni sociali. Per certi aspetti, un’esistenza «imperdonabile», se la cifra che accomuna le donne è la radicalità, pur talvolta ironica, consapevole cioè della strutturale relatività delle cose e dello stesso sé: radicalità dovuta a millenni di sottomissione al mondo maschile, per cui una donna, per essere, ha sentito il dovere di esprimersi con una forza, appunto, radicale, con una assolutezza forse ignota alla ferialità del mondo maschile. Continua a leggere